Tag Archives: Vegan

MUFFIN CON NOCI E CIOCCOLATO

Breve storia triste:terzo giorno di dieta e sono già qui che sforno dolci!

È per una buona causa mi ripeto, viene una mia amica a pranzo e non posso certo servirle solo una zuppona sana e detox visto che è la persona più golosa che io conosca .. il problema è che..

Che Non la vuoi fare la prova qualità? Certo che sì!! E allora al diavolo la dieta ( solo per questa volta..giuro!!)

Ecco gli ingredienti :

150 gr farina 0

50gr farina di farro

200 gr noci tritate ( io ne avevo solo 150gr)

140 gr zucchero di canna

40 gr olio di semi di mais

250 ml latte vegetale ( io uso quello di mandorla)

1 cucchiaino di aceto di mele ( facoltativo)

1 bustina di lievito cremor tartaro

100gr cioccolato fondente tritato grossolanamente

Con queste dosi mi è venuta una tortina di diametro 23 cm e 4 Muffin belli pieni

Il procedimento è semplicissimo :

Preriscaldare il forno a 180′

Ho unito le noci tritate con le farine , zucchero e lievito.

Ho tritato grossolanamente il cioccolato fondente e ho unito agli ingredienti.

Poi ho misurato 250 ml di latte e ho unito un cucchiaino di aceto di mele, che facendo reAzione con il lievito dovrebbe aiutare la lievitazione, e l’olio( circa 4 cucchiai pieni).

A questo punto unire i liquidi ai solidi e mescolare velocemente.

Mettere l’impasto nella teglia o nei pirottini e infornare

Per i Muffin 15 min a 180′ e 5 min a 160′

Per la torta 15 min a 180′ e 15 min a 160′

poi lasciati nel forno spento e aperto fino a raffreddamento.

Che dire .. i Muffin si sciolgono letteralmente in bocca e il crunchy delle noci gli da quel tocco rustico in più che mi piace tanto!! molto più buoni della torta noci e cioccolato che mangiavo da onnivora..

quindi mi raccomando Try these at home and spread love 💕

Advertisements

TORTA DI MELE,CANNELLA E GOCCE DI CIOCCOLATO

Ecco finalmente la ricetta definitiva della torta di mele, una torta che ricorda quella della nonna, la torta che profuma di infanzia e di Natale..una torta che è LA COCCOLA per eccellenza.

Quando si inforna, un profumo di cannella si spande per tutta la casa e riempie i cuori di gioia e la combinazione di mele e cioccolato accontenta davvero i palati di tutti.

Ecco gli ingredienti:

3/4 mele

200 gr di farina

80 gr di zucchero di canna

Una bustina di lievito cremortartaro

Un cucchiaino di cannella

La scorza grattugiata di un limone

150 gr di latte vegetale ( io ho usato latte di mandorla)

120 gr di olio di semi ( mais o girasole )

Il succo di un limone.

Un pizzico di vaniglia

Gocce di cioccolato a piacere.

Procedimento :

Preriscaldare il forno a 170′.

Pelare e tagliare le mele a cubetti o a fettine e irrorarle con succo di limone, una spolverata di cannella e un po’ di zucchero di canna.mettere da parte.

Ora, in una ciotola, unire gli ingredienti secchi:

Farina , zucchero, cannella, scorza di limone, cremor tartaro e vaniglia.

In una caraffa Unire gli ingredienti liquidi: latte, olio e succo di limone.

Quindi unire i liquidi agli ingredienti secchi, mescolare velocemente.

Aggiungere le mele e le gocce di cioccolato.

Infornare a 170′ per 20 min poi abbassare a 160 per 15-20 min.

Controllare la cottura con uno stuzzicadente. Se Sembra ancora umida lasciarla a forno spento ancora caldo per 5-10 min.

Il mio consiglio è comunque quello di non fare cuocere troppo la torta in questo modo avrà una consistenza morbida, umida e spugnosa per la presenza delle mele..vi si scioglierà in bocca 🤤

LASAGNE DI PANE CARASAU ALLE VERDURE Summer edition


Ed eccomi qui dopo mesi e mesi di assenza con una ricetta che mi ronzava in testa da un po’. 

So che con questo caldo le lasagne non sono proprio il primo piatto che verrebbe in mente di preparare.. al solo pensiero di accendere il forno, poi, viene un mancamento… ma ogni tanto ho voglia di coccolare la persona che ho al mio fianco con una cenetta speciale e quindi LASAGNE SI..MA in versione SUMMER EDITION quindi un po’ più LOW FAT rispetto alla classica lasagna al ragù.

Perché LOW FAT? Perché condita con verdure estive come zucchine e melanzane,  e condita con una BESCIAMELLA AL BRODO VEGETALE , realizzata con poco olio e senza latte vegetale, perfetta quindi anche per gli intolleranti alla soia ( e ai latticini , ovviamente)

Quindi vediamo subito gli ingredienti :

Per una teglia (circa 20×30)

Mezza confezione di pane carasau 

3 patate 

3 carote

3 zucchine piccole o due grandi

1 melanzana 

5 o 6 pomodorini

1 spicchietto d’aglio

Origano secco 

Basilico fresco 

Olio 

Lievito alimentare in scaglie 

Pan grattato (facoltativo)

Per la Besciamella al brodo vegetale:

30 gr farina

20 gr fecola di patate o maizena

30 ml olio 

2 cucchiaini di brodo vegetale 

Acqua circa 500-600 ml

Sale , pepe, noce moscata


Procedimento:

Iniziamo tagliando le verdure a pezzetti non troppo grossi e cuociamo in padella con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio in camicia schiacciato ( che poi toglieremo) e un po’ di sale. 

Se necessario aggiungere un po’ d’acqua e lasciare cuocere con coperchio per circa 15-20 miuti finché le verdure non si saranno ammorbidite. Aromatizzare con pepe,origano e basilico in base ai gusti.

Ora per la besciamella pesiamo gli ingredienti e mettiamo a bollire l’acqua con il dado vegetale e sale se necessario.

Una volta pronto il brodo, stemperiamo l’amido con un po’ d’acqua in modo che risulti una pastella liquida. 

Mettiamo a scaldare l’olio in un pentolino e 

Iniziamo a versare la farina setacciandola direttamente sul pentolino mescolando continuamente. 

Poi versiamo questo composto nel brodo bollente e mescoliamo con una frusta.

Aggiungiamo anche il composto di amido e acqua e mescoliamo facendo sobbollire fino ad ottenere la densità desiderata.

Saliamo e aromatizziamo con pepe e noce moscata a piacere.

A questo punto non ci resta che assemblare le lasagne!

Ungiamo la teglia e spargiamo una cucchiaiata o due di besciamella sul fondo, 

Poi iniziamo a disporre i fogli di pane carasau, se serve spezzandoli in modo da coprire l’intera superficie della teglia. Io a questo punto li ho inumiditi leggermente con un cucchiaio o due d’acqua in modo che si ammorbidissero (forse avrei potuto anche evitare perché la Besciamella era già bella morbida e calda ma devo dire che così  la Consistenza era perfetta.. però per un effetto più croccante evitate questo passaggio) 

Mettiamo qualche cucchiaiata generosa di verdure e poi di besciamella.

Diamo una spolverata di lievito alimentare in scaglie e ripetiamo l’operazione con i fogli di pane carasau, verdure e besciamella fino al bordo della teglia .

Finiamo con una spolverata di lievito e di pangrattato, un po’ di pepe e un filo d’olio e informiamo per 30 min a 180’

Ed al primo boccone sentirete un’armonia tra le verdure saporite, le note aromatiche della besciamella e la delicatezza del pane carasau che si fa a volte morbido e a volte croccante.. una delizia! 

Non vedo l’ora di provare altri condimenti e magari una versione ‘a freddo’ senza cottura.. so stay Tuned.. and spread love 💕




BISCOTTONI ARACHIDI E CIOCCOLATO 


Oggi una ricetta dedicata ai più golosi, dedicata a chi ama sgranocchiare qualcosa mentre si gusta una bella serie tv, dedicata agli amanti dei mix di dolce e salato e del burro d’arachidi…

insomma una ricetta che piacerà a tutti! 

I BISCOTTONI ARACHIDI E CIOCCOLATO 

Dosi per circa 12 biscotti: ( consiglio di raddoppiare perché spariranno in un attimo 😛😋)

50gr di zucchero di cocco ( o zucchero di canna)

70gr olio di mais o di girasole

50 gr farina di farro

150 gr farina di riso

(Entrambe le farine si possono sostituire con la farina che avete in casa, l’importante è avere un tot di 200gr di farina )

1 cucchiaino di lievito per dolci

40 gr di latte di soia 

50 gr di arachidi tostate e salate 

60 gr di cioccolato fondente  ( o gocce di cioccolato)

Procedimento
Accendere il forno a 180’

Tritare non troppo finemente le arachidi salate e il cioccolato fondente e mettere da parte.

Unire lo zucchero di cocco con l’olio e poi iniziare ad aggiungere le farine e il lievito.

Mescolare velocemente, aggiungere arachidi e cioccolato e in fine versare un po’ di latte alla volta fino ad avere un composto granuloso ma modellabile con le mani.

Rivestire una teglia con carta da forno e formare le palline. Per avere la classica forma dei cookies americani schiacciare un po’ la superficie con le dita lasciando abbastanza spazio tra un biscotto e l’altro, altrimenti per dei biscotti più “cicciosi” lasciare la pallina così senza schiacciare.

Infornare a 180’ per 15 min e poi lasciarli raffreddare ( se riuscite a resistere al profumo che si sarà diffuso in tutta casa!) 

Una droga, ve l’assicuro! 🤤

RAVIOLI DEL SENATORE CAPPELLI SU CREMA DI PEPERONI


La ricottina di soia era in frigo a colare, le erbette miste in freezer e la semola pronta nella dispensa..ma io non avevo alcuna voglia di mettermi a fare la pasta… non trovavo l’ispirazione! Ho tergiversato tutto il pomeriggio, poi dopo una bella passeggiata in campagna.. eccola lì, l’ispirazione è arrivata! 

E allora perché non mettersi a fare i ravioli alle 20 di sera?!

Ora..non so nemmeno più da quanto tempo non facessi della pasta fresca fatta in casa.. saranno passati almeno 4 anni! Infatti ero un po’ in dubbio sul risultato, anche perché non avevo mai usato soltanto semola e in particolare semola di grano antico Senatore Cappelli e INVECE.. è stata una rivelazione!! 

Ecco gli ingredienti per circa 20 ravioli

Per la sfoglia:

200gr di semola di grano senatore Cappelli

120 r di acqua tiepida

 Un pizzico di curcuma

Mezza puntina di sale 

Per il ripieno:

Ricotta di soia ottenuta da 1 lt di latte

Erbette miste congelate (1 busta)

Cipolla

3/4 cucchiai di lievito alimentare in scaglie 

Sale, pepe e noce moscata

Per la crema:

4 Peperoni rossi

200 ml latte di soia 

200-300 ml di olio di girasole 

Il succo di mezzo limone o 1 cucchiaio di aceto di mele

Curcuma

Paprika affumicata

Sale 


Ho iniziato mettendo in forno i peperoni lavati a 180′ per 45-50 min finché non si fossero ammorbiditi. Tolti dal forno li ho messi in un sacchetto di carta per fare in modo che con il vapore la pelle si togliesse più facilmente.

Poi ho impastato la sfoglia mettendo la farina di semola in una bella ciotola capiente , ho aggiunto il sale nell’acqua tiepida e iniziato a versare un po’ d’acqua nella farina facendo in modo che venisse assorbita.

Ho impastato il tutto prima nella ciotola e poi trasferendo l’impasto su un piano di lavoro. Una volta ottenuto un composto liscio e compatto l’ho coperto con un canovaccio e lasciato riposare 30 minuti.

Nel frattempo ho messo le erbette in padella con un goccio d’acqua, un po’ di cipolla (facoltativa) e un pizzico di sale. 

Le ho cotte facendole asciugare bene e poi strizzate a modo per far uscire il liquido rimasto. 

Una volta raffreddate, le ho tagliuzzate grossolanamente ( si possono anche tritare nel robot) e ho unito la ricotta, aggiungendo il lievito alimentare in scaglie, sale, pepe e noce moscata per insaporire.

A questo punto ho steso la pasta con il matterello cercando di avere uno spessore uniforme. ( non avevo voglia di andare a prendere la macchina per tirare la sfoglia che langue in garage da anni!) 

 

Per la crema di peperoni ho creato una sorta di maionese emulsionando il latte di soia con l’olio, la curcuma e il succo di limone aiutandomi con il frullatore ad immersione.

Una volta ottenuta una bella Crema spumosa ho aggiunto i filetti di peperone puliti e pelati.Ho insaporito con sale, pepe e paprika affumicata.

A questo punto non mi rimaneva altro da fare che testare la cottura dei ravioli e con mia somma sorpresa hanno tenuto benissimo!! 

Quindi ho scaldato la crema di peperoni e impiattato ponendovi sopra i ravioli, guarnendo il piatto con granella di nocciole tostate, una quenellina di ricotta e una spolverata di paprika.. supergood!! 

Ad ogni boccone mi stupivo della bontà dei vari elementi.. la sfoglia perfetta, il ripieno delicato e quella crema ai peperoni..incredibile!!! Sicuramente da riproporre anche con altri tipi di pasta! 

Buon appetito!! 

CROSTATA SENZA GLUTINE CON MELE E ALBICOCCA

Che mi piacciono le crostate si era capito, vero?!

Rustiche, veloci da preparare e utili per salvare degli ingredienti che magari non sono più proprio “appena colti” , come in questo caso delle mele che mi guardavano un po’ sconsolate, da qualche settimana nel cesto della frutta, scavalcate ormai dalla frutta estiva come pesche e ciliegie che , diciamocelo, sono piu invitanti! 

Quindi ecco la ricettina della mia frolla senza glutine perfetta per le farciture più disparate !

100 gr farina di grano saraceno

100gr farina di riso 

20gr amido di mais

Un cucchiaino raso di cremor tartaro 

Scorza di limone 

Un pizzico di vaniglia 

90 gr olio di girasole 

90 gr di sciroppo d’acero ( anche meno se usate come ripieno della marmellata molto dolce ) 

Come sempre unite gli ingredienti secchi , unite i liquidi e mescolate insieme. 

Fate una palla e mettetela in frigo coperta con la pellicola per 30 minuti.

Passato questo tempo tiratela fuori da frigo e stendetela con l’aiuto di due fogli di carta da forno e il matterello fino ad avere uno spessore di circa 5 mm oppure, essendo un impasto molto friabile, si può anche stenderlo direttamente sul fondo della tortiera con le mani pressando bene.

 Per concludere, bucherellate il fondo con una forchetta e date la forma al bordo della crostata. Io ovviamente mi sono dimenticata di  decorare il bordo con i rebbi della forchetta, voi fatelo se ne avete voglia 😜


Per la farcitura io ho utilizzato:

Marmellata bio di albicocca 100% frutta senza zuccheri aggiunti)

2 mele tagliate a spicchi e bagnate con il succo di un limone e sistemate sopra alla marmellata a forma di rosa. 

Per dare un aspetto più lucido alle mele come nelle torte di frutta classiche , tenete da parte un po’ di marmellata e con questa spennellate le fettine di mela una volta sfornata la torta. 

Infornate a forno già caldo a 180′ per 30-40 min controllando che le mele non scuriscano troppo. 


La mia È risultata molto molto dolce quindi consiglio di regolarvi in base alla farcitura prescelta ed aumentare o ridurre la quantità di sciroppo d’acero! 

Buon appetito!! 

TEMPURA DI VERDURE con pastella alla birra

Qualche giorno fa, purtroppo, si è concluso il corso per Veg- vegetarian chef che ho frequentato in questi mesi e che mi ha arricchito tantissimo di nuove idee, nuovi sapori e nuovi amici! Dopo il tanto temuto esame,insieme ai colleghi di corso, per festeggiare la conclusione di questo percorso siamo andati a cena in uno dei miei ristoranti preferiti di Bologna, Zenzero, che propone piatti per tutti, vegani, vegetariani e onnivori. Tra tutti i piatti buonissimi che abbiamo assaggiato mi è rimasta nel cuore una tempurina di verdure accompagnata da una salsina di soia allo zenzero da leccarsi i baffi ! 

Terminato il corso mi sono quindi concessa un giorno di relax e nel mio girovagare ho scoperto, per caso, un mercato di piccoli produttori Bio a Modena..tra pagnotte di pane alle erbe, ciliegie e duroni, conserve e lattughe, c’erano delle bellissime zucchine con i fiori e quindi, in automatico, mi è scattata l’idea in testa: TEMPURA!! Il fatto che l’avessi mangiata solo due giorni prima da Zenzero non mi ha assolutamente fatta desistere, anzi !! Dovevo riprodurla!! 

È così ecco la mia Tempura di verdura con pastella alla birra. 

Ingredienti 

150 gr circa farina di riso

150 gr circa di farina 0

500 ml di birra ben fredda 

1 zucchina grande

1 carota grande 

6/7 fiori di zucchina

Foglie di salvia e di menta 

Olio per friggere ( di semi o di oliva)

Sale rosa.

 Procedimento:

Ho tagliato carota e zucchina a listarelle belle grosse, ho pulito i fiori di zucca togliendo i pistilli e ho raccolto le foglioline di menta e di salvia direttamente dal mio balcone .

Poi ho creato la pastella unendo le due farine e aggiungendo a filo la birra bella fredda mescolando continuamente con una frusta. Ho aggiunto un pizzico di sale .Per mantenere bassa la temperatura  della pastella ho messo la ciotola all’interno di un’altra ciotola  più grande con acqua fredda e cubetti di ghiaccio. 

Fatto scaldare l’olio in un pentolino, ho iniziato a intingere le verdure nella pastella e immergerle nell’olio caldo. 

Che soddisfazione vedere quella bella pastellina che si gonfiava e diventava croccante!! 

Raggiunta la doratura desiderata ( questa pastella rimane più chiara rispetto a quella classica fatta con le uova quindi non aspettate che diventi troppo dorata altrimenti sarà troppo tardi!!) ho raccolto le verdure con la schiumarola e ho fatto scolare l’olio in eccesso.

Ho lasciato asciugare un po’ sulla carta assorbente e poi servito sui piattini japan style accompagnando la tempura con una julienne si daikon e due ciotoline con salsa di soia shoyu.

Devo ammettere che è stato un piatto davvero apprezzato.. quei fiori di zucca così delicati e croccanti poi.. una vera goduria!! 

Insomma, un piatto da occasioni speciali ma che ogni tanto ci sta!!