Category Archives: raw food

TIRAWMISU’. Tiramisù crudista senza grassi

img_8422

Sapete quando vi viene il voglino selvaggio di scofanarvi una torta intera al cioccolato ma non potete perché state cercando di rimettevi in forma? Oppure quando, come nel mio caso, state facendo una settimana crudista per disintossicarvi ma non fate altro che sognare carboidrati?!
Bene, la soluzione c’è!!! Ed è questo TIRAWMISU’ spaziale al doppio strato di banane !!
A dire la verità la settimana crudista sta andando molto meglio di come pensavo e non sento molto la mancanza del cibo cotto però stasera avevo proprio bisogno di qualcosa per coccolarmi un po’!
Poi.. diciamocelo.. che goduria è mangiare un dolce intero per cena?! Oltretutto senza ripercussioni sul giro vita e senza sensi di colpa..?!credo che una donna non possa chiedere di più dalla vita!!

Quindi vi consiglio di provare questo TIRAWMISU’ senza indugi!

Ingredienti:
2 Banane mature
2/3 banane congelate
Farina di carruba
Un pizzico di vaniglia
Cacao in polvere

A questo punto..dai..Devo proprio spiegare il procedimento?! Devo proprio?!
Ok, se insistete ve lo spiegherò.
Tagliare le banane a strisce e posizionare sul piatto di portata, queste avranno la funzione dei savoiardi della ricetta tradizionale.
Per la crema basterà frullare le banane congelate, dopo averle lasciate scongelare una mezz’oretta a temperatura ambiente , insieme agli avanzi delle banane ‘fresche’ aggiungendo un cucchiaio di farina di carrube ( facoltativo) e un pizzico di vaniglia.
Frullare fino ad avere un gelato super cremoso. A questo punto assemblare: mettere uno strato di gelato sulla base e ricoprire con una bella spolverata di cacao. Poi ripetere l’operazione: banane a fette, gelato, cacao.
Per i più goduriosi si può aggiungere anche qualche goccia di cioccolato , o una granella di fave di cacao o di nocciole on top!
A questo punto… macchevvelodicoafà… ci si fa fuori l’intero piatto!!

img_8423

PIZZA CRUDISTA

img_8259

Cercate un comfort food che sia anche sano e CRUDISTA? Allora questa pizza fa per voi!!
Esatto avete capito bene! Una pizza CRUDISTA , quindi senza farine, senza glutine e senza olio!
Attenzione però..non proprio senza grassi ! Presenta infatti tutti i grassi “buoni” che, in giusta misura, non devono mancare in un’alimentazione corretta, grazie alla presenza dei semi di lino,di zucca e di girasole.
(Prossimamente cercherò di farne anche una versione low fat, senza semi)
È una ricetta dal procedimento semplice ma un po’ lungo perché prevede l’utilizzo dell’essiccatore per questo consiglio di iniziare la preparazione 10-12 ore prima.
( si può utilizzare anche il forno accorciando così i tempi, ottenendo non più una pizza CRUDISTA ma comunque sana).

Ingredienti
Per la base:
200-300 gr di scarti dei centrifugati di frutta e verdura ( in mancanza di questi si possono utilizzare semplicemente zucchine, zucca, carote ecc.. frullate o grattugiate)
3 cucchiai di semi di lino da mettere in ammollo la sera prima
1 cucchiaio di semi di zucca ( facoltativo)
3 pomodori secchi
2 olive ( facoltative)
2 capperi
Origano o spezie a piacere

Per la passata di pomodoro:
Pomodori o pomodorini
3 pomodori secchi
1 o 2 datteri
Un pizzico di sale

Per il “formaggio ”
30-50 gr di semi di girasole ammollati qualche ora
Lievito alimentare in scaglie in abbondanza
Un pizzico di sale, pepe e curcuma.
Volendo si posso aggiungere aglio in polvere, erba cipollina e spezie a piacere.

Per decorare: verdure a piacere, rucola, olive, pomodorini ecc..

Ora il procedimento:
Frullare tutti insieme gli ingredienti per la base, quindi gli scarti dei centrifugati ( o la verdura sminuzzata), i semi di lino con il gel che avranno prodotto durante l’ammollo, i semi di zucca e le spezie.
Ottenuto un composto abbastanza omogeneo andremo a stenderlo sulle teglie dell’essicatore e impostatato il programma crudista, che non supera quindi i 42 gradi di temperatura, lo lasceremo “cuocere” per tutta la notte.
Dopo 10-12 ore in essiccatore questo sarà il risultato: una bella base sottile e croccante.

img_8249

A questo punto andiamo a preparare la passata di pomodoro: tagliare i pomodori togliendo la parte centrale più acquosa. frullare tutti gli ingredienti per la passata. Se dovesse risultare ancora troppo liquida passarla con un colino a maglie strette.

Per il formaggio basterà frullare i semi di girasole, scolati dall’acqua di ammollo, insieme al lievito alimentare in scaglie,il sale , il pepe, la curcuma, fino ad avere un composto bello cremoso e denso.
Nel video avevo aggiunto troppa acqua e ho dovuto “tamponarla ” con molto lievito alimentare quindi vi consiglio di aggiungere acqua solo in caso serva per allentare un po’ la crema.

E ora che abbiamo tutti i componenti basterà andare a guarnire la base della pizza con la salsa di pomodoro, il formaggio e verdure a piacere!
Per rendere il tutto ancora più godurioso si può rimettere la pizza nell’essiccatore per 15-30 min per ottenere una bella pizza tiepida come appena sfornata.. vi assicuro che non vi farà rimpiangere la pizza tradizionale!!
Ed ecco la meraviglia che è venuta fuori..

img_8265

img_8258

E se per caso dovesse rimanere una base si può facilmente riciclare come crackers oppure come piadina, ottima per accompagnare una bella insalata mista.

img_8272

I’M BACK!!!

Rieccomi qui dopo più di un anno a riprendere in mano il mio blog! Un anno in cui sono successe tante cose, un anno in cui ho dovuto affrontare tanti cambiamenti che mi hanno portato a rivedere un pò la mia visione della vita, le mie priorità e i miei sogni. Dopo un periodo brutto, in questi ultimi mesi sono riuscita a risollevarmi e a raccogliere tutte le mie forze, quindi eccomi di nuovo a condividere con voi le mie passioni, i miei valori, i miei sogni nel cassetto!

Dopo tante riflessioni su chi sono e su cosa voglio fare nella mia vita ho finalmente capito che la mia missione è diffondere lo stile di vita vegano e per farlo devo stare bene e avere tutte le energie possibili.
Quindi devo prendermi cura di me, del mio corpo e della mia mente per poter dare il massimo in quello che faccio.
Non mi basta più solo sopravvivere di giorno in giorno, voglio vivere e godermi il tempo che mi è stato regalato.
Per ciò ho deciso di ricominciare a condividere quello che mi succede, i cambiamenti che ci saranno nella mia vita, i miei interessi.. Tutto per per far capire al maggior numero di persone quanto sia facile e divertente lo stile di vita Vegan!
Non c’è niente di estremo, non ci sono rinunce, non ci sono sacrifici, solo tanta gioia nella consapevolezza di poter vivere senza sfruttare, torturare e uccidere altri esseri viventi che hanno il diritto quanto noi di vivere la propria vita in pace.
Se vi interessa scoprire come mangiare bene senza crudeltà, se volete saperne di più su minimalismo, crudismo, decrescita e autoproduzione potete seguirmi qui sul blog oppure
iscrivetevi al canale you tube Home,Food&Nature

Su fb https://www.facebook.com/homefoodnature/
Su Instagram homefoodnature

A presto!!!

GELATO CRUDISTA (SENZA LATTE E UOVA)

IMG_0177

Avete voglia di un gelato fresco e leggero senza latticini nè uova da fare a casa in pochissimo tempo? Oltretrutto senza provare i sensi di colpa per aver “sgarrato”??!!
Niente di più semplice!
Basterà mettere in precedenza qualche banana bella matura già tagliata a fettine in freezer e lasciarla congelare per qualche ora ( anche qualche giorno prima.. Non ci sono controindicazioni).
Poi quando vi scatta il voglino goloso le prendete fuori dal freezer, le tenete a temperatura ambiente qualche minuto e via nel frullatore!!
A questo punto potete aggiungere tutti gli ingredienti che volete per personalizzare il vostro gelato con altra frutta , ottima la versione con le fragole che vedete in foto!
Se volete qualcosa di veramente goloso basteranno un po’ di succo d’agave o datteri, un cucchiaio di cacao e un pò nocciole aggiunte direttamente nel frullatore insieme alle banane per ottenere un gelato al gianduia!!
Si frulla tutto per un minuto e si ottiene un bel gelato cremoso senza dover aggiungere panna o latte!
Anche per guarnirlo ci si può sbizzarrire: salsa di datteri, frutta fresca , mandorle, noci, bacche di goji, cioccolato fuso, burro d’arachidi ecc

Insomma, con questo gelato potete davvero appagare tutte le vostre voglie più golose senza avere sensi di colpa!!

IMG_0020

BISCRUDI COCCOCIOCCO

IMG_9333.JPG

Ricettina veloce post-Natale che non è nemmeno una ricetta.. Ma un trucco per riciclare in modo goloso l’okara di mandorle ottenuta dalla preparazione del latte di mandorle fatto in casa.
Per preparare il latte di mandorle ho messo a mollo 120gr di mandorle con la buccia per una notte.
La mattina dopo le ho scolate, sciacquate e messe nel frullatore insieme a 1 lt d’acqua e un paio di datteri medjoul snocciolati. I datteri servono per dolcificare, al loro posto si può utilizzare sciroppo d’agave, zucchero di cocco o altro e per aromatizzare si può aggiungere un po’ di vaniglia. Ho frullato il tutto e poi filtrato con un colino a maglie strette. ( procedimento più facile con un telo bianco naturale o con l’apposita borsa per latte vegetale).
Quello che rimane nel filtro è l’okara di mandorle.

IMG_9286.JPG

Nella foto si vede a sx l’okara rimasta nel colino e a dx la mia colazione a base di latte di mandorla con banane, fiocchi d’avena e bacche di goji e di gelso.

A questo punto non potevo certo buttare via tutta quell’ottima polpa.
Quindi ho aggiunto cocco in scaglie, cacao e un cucchiaio di sciroppo d’agave. Non do le dosi precise perché vado molto a “gusto” quindi ognuno può creare la propria versione aggiungendo spezie a piacere, uvetta, semi di chia ecc…
Ho foderato due vassoi dell’essiccatore con la carta da forno e formato dei piccoli biscottini ( o palline o la forma che preferite) che ho tenuto nell’essiccatore per una decina di ore.
Per chi non avesse l’essiccatore potrebbe semplicemente tenerle in frigo e servili come tartufini magari ricoperti di cioccolato fondente ( super goduriosi).
Niente di più semplice e in linea con la filosofia del “nowaste” ovvero ZERO SPRECO.

U-RAW-MAKI (sushi crudista)

IMG_8334.JPG
WARNING: may cause addiction! 😜
Era da un pò che vedevo in giro foto di maki crudisti e da amante sfegatata della cucina giapponese (Vegan ovviamente) non potevo non provare! Così ieri sera finalmente mi sono decisa e ho sperimentato.
Come a volte succede con i primi tentativi c’è stato un piccolo disastro ma anche una gran successo.
Ingredienti:
carote
Cetrioli
Alghe nori
Salsa di soia

Allora il primo tentativo ho deciso di farlo con le carote al posto del riso.
Guardando un po’ in rete ho visto che c’è chi usa la mandolina, chi usa lo spaghettatore e poi tagliuzza gli spaghetti fino a raggiungere più o meno la dimensione del chicco di riso.
Io, per fare una cosa rapida e semplice, ho tagliato le carote a julienne con il mio fantastico taglia-verdure elettrico.
Le ho condite con un po di succo di limone e un pò di salsa di soia lasciandole a marinare qualche secondo (avevo fame).
Nel frattempo ho preso l’avocado maturo, l’ho tagliato a striscioline belle consistenti e ho steso l’alga nori sul tappetino di bamboo.
A questo punto ho proceduto come per preparare il maki classico: ho steso uno strato di carote marinate sull’alga lasciando un paio di centimetri sul fondo senza carote per permettere al rotolino di chiudersi.
Sulle carote ho poi posto alcune fettine di avocado e ho iniziato ad arrotolare.
Per far in modo che il rotolino resti ben compatto bisogna stringere bene aiutandosi con il tappetino, cercando di non far fuoriuscire tutto l’interno.

Primo tentativo uscito perfettamente! Allora ho pensato, con i cetrioli verrà ancora meglio e sarà esteticamente più simile al maki con il riso visto il colore..
Allora ho iniziato a tritare il cetriolo con lo stesso attrezzo delle carote.. Purtroppo questa operazione ha fatto fuoriuscire tutta l’acqua del cetriolo e ho ottenuto così dei filettini troppo umidi. Forse a questo punto avrei dovuto strizzarli o lasciarli un po a sgocciolare per fargli perdere un po d’acqua.
Ma data la mia impazienza ho voluto provare subito a fare il rotolino..
Risultato: una vera schifezza!!
L’alga si è inzuppata d’acqua e i cetrioli continuavano ad uscire.
Ora, visto che il cetriolo è normalmente usato nei maki penso che l’unico errore sia stato tritarli troppo finemente. Tagliandoli a tocchetti più spessi non dovrebbe fare lo stesso effetto disastroso quindi conto di riprovarci molto presto!

Gli amanti del Jappo sapranno che non c’è sushi senza wasabi..
Io non avevo il wasabi ma avevo in casa una pasta di zenzero che mi era stata regalata e che no avevo ancora avuto modo di usare (nè avevo idea su come usarla)
Beh ho provato a metterla nella salsa di soia al posto del wasabi e.. Rivelazione!! Ha dato alla salsa di soia quel saporino pungente che ha dato una marcia in più ai maki!!
Buonissimo!!!!
E cosi mi sono goduta i miei rotolini RAW intinti nella salsa di soia..
Una goduria assoluta!!!

IMG_8335.JPG

THE BEST RAW CUCUMBER NOODLES EVER

I MIGLIORI RAW SPAGHETTI DI CETRIOLI DI SEMPRE

20140722-205122-75082268.jpg

Stasera avevo voglia di qualcosa di diverso dalla solita insalatona.. Quindi ho riprovato a fare i noodles di cetrioli che mi piacciono decisamente di più rispetto a quelli di zucchine.
E come condimento ho cercato di fare una salsa gustosa e cremosa e non la solita salsa acquosa che risulta frullando solo i pomodori e devo dire che ci sono riuscita.. Con questa salsa ci si potrebbe condire anche una ciabatta e sarebbe comunque deliziosa!!
Niente di complicato, anzi l’abbinamento più classico e più riuscito della storia dell’uomo raw: pomodoro e avocado!

Quindi gli ingredienti utilizzati sono (per una persona):
3 cetrioli
1 pomodoro
1/2 avocado
Pomodorini
Succo di Limone
sale e basilico q/b

Ho iniziato tagliando i cetrioli a julienne ( prima o poi riuscirò a comprare l’affettaverdure a spirale!!) e lasciandoli nel piatto.. A questo punto c’è chi consiglia di salarli un po e metterci un peso sopra per far uscire un po d’acqua ma io non l’ho fatto.. Della serie poco sbattimento..Massima resa!

Per la salsa niente di più semplice: ho frullato metà avocado e il pomodoro con il succo di mezzo limone e un pizzico di sale.. FATTO!
Mettere questa salsa superdelicious sopra agli spaghetti e guarnire con pomodorini e spezie a piacere.

20140722-215925-79165629.jpg
Alla fine la Salsina era così buona e cremosa che ho fatto anche la scarpetta con i miei crackers raw fatti con semi di lino, di sesamo, di girasole e di chia ottenuti con l’essiccatore.
Insomma cena rapida e super gustosa! !
Poi è rimasto mezzo avocado quindi.. mi toccherà fare anche la mousse al cioccolato 😉

Raw Crackers di semi vari

20140723-072921-26961256.jpg