Monthly Archives: December 2016

“ALETTE” PICCANTI DI CAVOLFIORE

img_8925

Oggi voglio stupirvi con questa ricetta un po’ american style perfetta per una serata tra amici, come finger food per un pic nic (non appena il tempo lo permetterà ) oppure, perché no, come antipasto per il cenone di capodanno! D’altra parte il colore Rosso è di buon auspicio per il nuovo anno! Quindi vediamo come stupirete questa volta i vostri commensali..
È molto semplice anche se prevede vari passaggi.. ecco gli ingredienti:

1 cavolfiore
100gr di farina di ceci
4 o 5 cucchiai di salsa barbeque oppure salsa piccante
150 gr di Passata di pomodoro
Sale, pepe e peperoncino qb
200-250 gr d’Acqua

Come prima cosa tagliare il cavolfiore dividendolo in cimette e lavarlo bene.
Ora mescolare con una frusta la farina di ceci e l’acqua fino a formare una pastella bella densa, aggiungere mezzo cucchiaino di sale e un pizzico di pepe e peperoncino a piacere.
A questo punto immergere ogni cimetta di cavolfiore nella pastella, sgocciolarle bene per togliere l’eccesso e posizionarle su una teglia ricoperta da carta da forno.
Mettere in forno per 25-30 min o finché non si sarà creata una crosticina in superficie.
Ora mischiare la salsa barbeque con la passata di pomodoro e volendo si può aggiungere ancora un pizzico di peperoncino.
Con questa salsa spennellare ogni “aletta” di cavolfiore e infornare per 10-15 minuti.
Tirare fuori dal forno e spennellare nuovamente con la salsa piccante. Rimettere in forno per altri 10 minuti. A questo punto avrete ottenuto dei bocconcini morbidi, rossi e super piccanti!
Serviteli caldi accompagnati da una ciotolina di salsa piccante per chi volesse dare un tocco hot in più! Assolutamente da leccarsi i baffi!!

Regalini diy: MUFFIN AL CIOCCOLATO IN BARATTOLO

img_8916

Sono arrivata un po’ lunga ma voglio darvi un’ottima idea per creare dei pensierini di Natale fatti in casa carini, semplici da fare e molto apprezzati da tutti !
Oppure un’ottima ricetta per dei muffin al cacao e cioccolato da preparare quando avete voglia di coccolarvi con un buon comfort food!

In pratica consiste nel fornire tutti gli ingredienti secchi della ricetta, così la persona a cui avete fatto il regalo dovrà solamente aggiungere gli ingredienti liquidi.

L’occorrente di cui avrete bisogno è :
Un vasetto da marmellata grande (500ml) anche di recupero ma pulito!
Spago da cucina
Un quadrato di carta o stoffa per coprire e decorare il tappo.
Fogli di carta e un pennarello.

Vediamo ora gli ingredienti da inserire a strati nel barattolo per creare una composizione anche bella da vedere oltre che buona da mangiare !
Con queste dosi si realizzeranno 6-8 muffin:
80gr di farina 0
25 gr di mandorle con la buccia tritate
20 gr di cacao amaro
70gr di zucchero di canna o di cocco
Mezza bustina di lievito
50 gr di gocce dì cioccolato fondente

Ogni strato andrà livellato bene con un cucchiaio o con una spatola per compattarlo e far in modo che non si mischi con il successivo. E’ un lavoro da certosino ma il risultato sarà bellissimo!

img_8915

Poi bisognerà dare le istruzioni per ottenere degli ottimi muffin vegani morbidi e cioccolatosi aggiungendo i seguenti ingredienti:
1 banana schiacciata oppure 1cucchiaio di burro di arachidi
75 ml di latte vegetale
25 gr di olio.

Quindi ogni vasetto andrà accompagnato da un foglietto con le istruzioni tipo questo:

img_8914

A questo punto, per concludere l’opera, chiudete con il tappo, coprite con il quadrato di carta o stoffa e fate un giro di spago per fermare gli angoli dello stesso. Fate un fiocchetto e all’interno arrotolate la pergamena con le istruzioni.

img_8763

Io ho accompagnato ogni muffin jar con un vasetto di burro d’arachidi per fornire tutto il necessario! E questo è il risultato, dei muffin morbidissimi che si sciolgono in bocca!
E se volete fare le cose per bene vi consiglio di servirli con una crema calda o con la crema che trovate nella ricetta del tiramisù
(https://homefoodnature.wordpress.com/2016/12/19/tiramisu-veg-rapido/)

img_8847-0

POLPETTONE DI LENTICCHIE RIPIENO

img_8899

Nelle scorse settimane mi sono dilettata a preparare tanti piatti gustosi per le
Feste che potessero ingannare anche i palati più difficili e questo è stato un esperimento ben riuscito, mentre la sua salsina d’accompagnamento, il famoso golden gravy, non mi ha soddisfatto e quindi ho preferito non servirlo.. (incidenti che capitano) ma credo che nessuno ne abbia sentito la mancanza!
Quindi, ora vi spiegherò come ho preparato il mio polpettone di lenticchie e noci ripieno di spinaci e carote, liberamente ispirato ad un paio di ricette trovate sul ricettario dell’arca di Eva & friends ( che ora potete trovare in versione eBook!)

Ingredienti per 8/10 persone :
500gr di lenticchie secche
70-80gr di noci
1 cucchiaio di Concentrato di pomodoro o passata
Pan grattato 100 gr
Spinaci 400gr
2 o 3 carote
Olio
Cipolla
Sedano
Salsa barbecue due cucchiai
7 o 8 Patate per l’accompagnamento
Sale e pepe
Aglio e Cumino (facoltativi)
Lievito alimentare in scaglie a piacere ( facoltativo)

Procedimento:
Anche in questo caso è più lunga la spiegazione che la realizzazione. Volendo si può preparare in anticipo e conservare in frigo per un paio di giorni o in freezer per più tempo.
Fare un soffritto di sedano, carote e cipolla, aggiungere le lenticchie dopo averle lavate , aggiungere acqua, sale e un po’ di pomodoro (concentrato o passata) e lasciare cuocere fino a che non saranno morbide ma non spappolate.
Nel frattempo in un’altra padella cuocere gli spinaci in poca acqua con un pizzico di sale e far ammorbidire.
Mettere a bollire una carota bella lunga o due se sono piccole in acqua leggermente salata fino a che non sarà morbida.
Frullare grossolanamente le noci e una volta che le lenticchie saranno cotte e raffreddate , aggiungerle alle noci insieme ad un po’ di pangrattato, un goccio d’olio, lievito alimentare, cipolla o aglio e cumino in base al gusto personale. Amalgamate il tutto fino ad avere un composto compatto ma lasciando un po’ di noci e lenticchie non del tutto frullate , deve avere la consistenza della carne macinata. Con questo impasto si possono realizzare anche delle fantastiche olive all’ascolana, ma per questa ricetta dovrete aspettare ancora un po’ ! Aggiustare di sale e se serve aggiungere altro pangrattato per tenere insieme il composto.
Quando l’impasto vi sembrerà abbastanza saporito procedere a stenderlo tra due fogli di carta da forno con un mattarello fino a dargli una forma rettangolare.

img_8821

A questo punto sminuzzare grossolanamente gli spinaci e posizionarli al centro del rettangolo di lenticchie, aggiungere la carota bollita e coprirla con altri spinaci.

img_8824

img_8826

E ora la fase di arrotolamento! Aiutandosi con la carta da forno arrotolare lo strato di lenticchie sul cuore di spinaci e unire le due estremità finali portandole sul lato inferiore del polpettone. Spolverare il polpettone con un altro pò di pangrattato e avvolgere nella carta da forno e poi nella pellicola.

img_8829

Lasciar riposare in frigo almeno un’ora per far compattare il tutto e nel frattempo ,se volete, potete pelare e preparare le patate d’accompagnamento. Io l’ho servito con dei riccioli di patate realizzati grazie allo spaghettatore, l’attrezzo che serve a fare gli spaghetti e le fettuccine di verdura. Ma sarebbe perfetto anche con un bel purè cremoso!

Dopo un’ora o più di riposo prendere il vostro bel polpettone e adagiatelo su una teglia bella capiente con un filo d’olio sotto e sopra insieme alle patate e mettere in forno lasciandolo cuocere per circa 40 min a180′.

img_8846

A circa metà cottura io l’ho spennellato con un paio di cucchiai di salsa barbecue per conferirgli un profumo affumicato che ha reso il tutto ancora più gustoso!
Dico solo che una volta portato in tavola mia madre ha esclamato “ma quanta carne avete usato!!??” E lì l’ho lasciata senza parole dicendole che non c’era neanche un po’ di carne ma che era tutto vegano! ( con risata diabolica di sottofondo!)
Poi quando si taglia e si scopre il cuore di verdure.. applausi a scena aperta!
Quindi se volete un piatto delle feste che inganni anche i carnivori più accaniti vi consiglio di provarlo e poi di farmi sapere come va 😉😉.

img_8860

TIRAMISÙ RAPIDO 

img_8836

Cercate un dolce adatto per le feste e per le cene in famiglia che convinca anche i parenti onnivori più scettici e che non vi faccia perdere ore in cucina incerte sul risultato?! Eccolo qui! Un tiramisù for dummies che si prepara al massimo in 15 minuti ,ma anche meno, e che può essere facilmente personalizzato a seconda dei gusti.
L’importante è avere gli ingredienti giusti in casa! Questo tiramisù, infatti, è realizzato tutto con ingredienti confezionati, quindi il mio consiglio è di fare un po’ di scorta quando andate a fare la spesa e tenerli sempre a disposizione per ogni evenienza.

Ingredienti (per una teglia o per sei monoporzioni)
200gr circa di biscotti digestive
2 tazzine di Caffè zuccherato
4 vasetti di Budino Alpro alla vaniglia
200gr Panna vegetale da montare
Cacao amaro
Gocce di cioccolato fondente ( facoltative)

La realizzazione è facilissima:
Prima di ogni cosa mettere la panna, la frusta e il contenitore del frullatore in frigo. Queste sono le marche di panna che trovo facilmente al supermercato

img_8777

img_8878
Questa la trovate anche sul sito macrolibrarsi.

Fare il caffè, dolcificarlo facendo sciogliere bene lo zucchero di canna e poi allungarlo con mezzo bicchiere d’acqua.
Una volta raffreddato intingerci dentro i biscotti digestive per qualche secondo e posizionare i biscotti sul fondo della teglia o della ciotola.

img_8775

A questo punto aprire il budino alla vaniglia ( tutti e 4 i vasetti) e versarlo in una ciotola

img_8776

Tirare fuori dal frigo la panna e l’attrezzatura e montare a neve.
Ora unire la panna montata al budino e amalgamarla con una spatola facendo movimenti delicati per non smontare la panna .

img_8780

Per gli amici più golosi si possono aggiungere anche un po’ di gocce di cioccolato

img_8781

Ora adagiare la crema ottenuta sulla base di biscotti e spolverare con il cacao amaro e qualche goccia di cioccolato e il gioco è fatto!
Ci si mette più tempo a leggere questa ricetta che a farla, ve lo assicuro!Vi consiglio di lasciarlo in frigo qualche ora per far insaporire il tutto..se riuscite a resistere!

img_8783
Volendo si può fare una versione alla frutta, bagnando i biscotti con un succo di frutta e decorando con frutti di bosco oppure creare una versione alcolica bagnando i biscotti con il rhum.. insomma ad ognuno il suo tiramisù! E in più vi consiglio di utilizzare questa crema per guarnire muffin al cioccolato, torte di pan di Spagna oppure se volete qualcosa di veramente epico..per farcire il pandoro!! Una cosa da paura e molto scenografica che ha lasciato tutti a bocca aperta!

img_8874

POLPETTE DI QUINOA E VERDURE AL CURRY

img_8807

Un fingerfood sfizioso per accompagnare l’aperitivo o un secondo saporito per far mangiare le verdure anche ai bambini?! Eccolo qui!! Queste polpettine sono l’ideale, molto gustose, e con qualche accorgimento, adatte anche a chi vuole evitare il glutine! Io le ho accompagnate con una salsina alla menta che rinfresca il palato e che contrasta in modo molto piacevole con il gusto caldo e avvolgente del curry.

Vediamo subito gli ingredienti per 6 persone:
Una confezione di quinoa ( circa 400gr)
Due carote
Una zucchina
Una patata
Una Costa di sedano
Farina di ceci 150 gr circa
Olio uno/ due cucchiai
Cipolla qb
Dado Veg
Curry 2 cucchiaini
Sale e pepe qb
Farina di riso 60 gr
Pan grattato ( volendo senza glutine) 100gr
Farina di mais/ polenta istantanea un cucchiaio
Semi di sesamo tostati
Olio per friggere

Per la salsina alla menta:
Anacardi al naturale ammollati
Tahin
Lievito alimentare in scaglie
Sale
Menta fresca
Succo di limone
Scusate ma in questo caso sono andata ad occhio quindi non ho le dosi precise.

Procedimento:
tagliare le verdure a cubetti piccoli e mettere in padella con olio, cipolla e sedano e far saltare. Aggiungere dell’acqua, un po’ di dado Veg e un pizzico di sale.
Lasciar cuocere finché tutte le verdure saranno morbide. Assaggiare, aggiustare di sale e pepe e aggiungere il curry, la curcuma o spezie a piacere.
Nel frattempo sciacquare a modo la quinoa e metterla in un pentolino con il doppio d’acqua, salare e cuocere finché non avrà assorbito tutta l’acqua. Se serve aggiungere acqua calda man mano fino a che non si sarà ammorbidita.
Quando sia la quinoa che le verdure saranno cotte andranno unite e lasciate raffreddare fino a temperatura ambiente. Assaggiare di nuovo e aggiustare di sale e spezie.

img_8785

Ora arriva il passatempo! Prendere il composto e formare delle polpettine adatte ad essere mangiate in un sol boccone o magari in due!
A questo punto ci sono due alternative.
L’opzione salutista prevede di passare le polpette nel pangrattato e farina di polenta e cuocerle al forno a 180′ per 20 min.
L’opzione meno salutista e un po’ più porcella prevede di impanarle con la pastella e friggerle.
Indovinate quale ho scelto io?!
Ovviamente la più porcella!
Quindi creare una pastella con la farina di ceci e l’acqua fino ad avere un composto non troppo liquido nè troppo denso , immaginate la consistenza delle uova sbattute ( le galline vi ringrazieranno per non aver rubato le loro uova! ) , deve essere abbastanza viscoso da aderire alle polpette.
A questo punto si procede come per una normale frittura [ non avevo mai fritto in vita mia ma a forza di guardare video di ricette ho assimilato il metodo]
Predisporre tre piatti: uno con la farina di riso,uno con la pastella e uno con il pangrattato misto alla farina di polenta, il sesamo e un po’ di sale e pepe.
Passare ogni polpetta prima nella farina di riso, poi nella pastella di ceci e poi nel misto di pangrattato.
Dopo aver impanato tutte le polpette, scaldare due dita d’olio in una padella capiente oppure utilizzare una friggitrice.
Io ho utilizzato un wok , ho aspettato che l’olio si scaldasse e al momento giusto ho adagiato le polpette ( una decina per volta) nel wok.
Ho rigirato le polpette da tutti i lati per far cuocere uniformemente lasciandole due minuti per “lato”.
Per essere il mio primo esperimento di frittura in padella posso dirmi veramente soddisfatta! Il pangrattato e la farina di polenta hanno contribuito a formare una bella crosticina croccante da paura! Questo è il risultato appena finito di friggerle! 😍

img_8792

Per la salsina alla menta:
ho frullato tutti gli ingredienti con un po’ d’acqua fino ad avere una consistenza cremosa ma leggera perfetta per rinfrescare un po’ il sapore delle polpette!

img_8805

RISOTTO RADICCHIO E NOCI all’aceto balsamico con ingrediente segreto!

img_8736

Eccomi di nuovo qui! In questi giorni di silenzio mi sono dedicata a provare dietro le quinte le ricette per i piatti che proporrò nelle cene di Natale con parenti e amici e devo dire che sono molto soddisfatta della riuscita di alcuni di questi.. quindi nei prossimi giorni ve li proporrò uno per uno!
Partiamo con questo primo piatto. Oggi vi propongo un bel risotto radicchio e noci ma, attenzione ,questo non un semplice e banale risotto! Questo che vi propongo, infatti,oltre all’abbinamento riuscitissimo di radicchio e noci con tocco finale di aceto balsamico, è arricchito da un altro ingrediente segreto.. un po’ insolito per la tavola italiana.. che gli darà il quid in più che vi sorprenderà! Di cosa si tratta? Shhhh.. ok ve lo dico ma non ditelo a nessuno.. il burro d’arachidi!
Ma ora andiamo a vedere tutti gli ingredienti:
Per 4 persone:
Riso per risotti 300gr
RADICCHIO rosso 1 cespo
Brodo vegetale 1lt (preparato con verdure di stagione o con un po’ di dado)
Noci 50 gr
Olio 1 cucchiaio
Cipolla a piacere
Burro d’arachidi 1 cucchiaio
Aceto balsamico di Modena a piacere (quello buono, non la glassa!)

Iniziamo preparando il brodo vegetale e tagliando a striscioline il radicchio rosso.
Quando il brodo bolle, mettere in un’altra padella l’olio, farlo scaldare un pò, aggiungere la cipolla e farla dorare.
A questo punto versare il radicchio e il riso nel soffritto di cipolle per far tostare il riso e ammorbidire il radicchio continuando sempre a mescolare. Dopo un minuto aggiungere il brodo fino a coprire di un dito il livello del riso.aggiungere un pizzico di sale e lasciar cuocere.
Far cuocere il riso continuando ad aggiungere il brodo se serve.
Quando il riso sarà quasi cotto, due minuti prima della fine della cottura aggiungere le noci spezzettate grossolanamente e infine, l’ingrediente segreto, il burro d’arachidi che servirà per mantecarlo alla perfezione!
A questo punto non resterà che impiattarlo con un un coppapasta ( se volete, non è essenziale) e decorare con un filo di aceto balsamico e un pezzetto di noce. Et voilà! Un piattino d’effetto testato e approvato anche dagli amici onnivori!

img_8739

SPAGHETTI IN SALSA DI NOCI

img_8688-3

Avete presente quelle insalatine scondite low fat, senza sale e senza glutine.. ecco, questo piatto ne è la più completa antitesi!
Ma si sa.. è inverno, fa buio presto e non di sole verdure vivono i vegani.. quindi ecco una vera e propria coccola da concedersi dopo una luuunga giornata di lavoro!!
Mi ricordo che quando ero piccola mia madre preparava spesso la pasta con panna e piselli (e ahimè prosciutto, di quello pessimo, a cubetti.. e da qui si intuisce perché fossi una bambina obesa) e stasera avevo proprio voglia di qualcosa di caldo e confortevole che mi riportasse all’infanzia. Così, appena arrivata a casa, ho spezzettato un paio di fette di pane nel contenitore del mixer, vi ho versato sopra della panna vegetale da cucina e sono uscita a fare un giretto con il cagnolo (passaggio fondamentale per la riuscita della ricetta😉) .
Di ritorno dalla passeggiata ho messo una pentola d’acqua salata sul fuoco e nell’attesa che bollisse ho completato la salsa. Al pane ammollato nella panna ho aggiunto delle noci, circa 50 gr, due cucchiaini di lievito alimentare in scaglie, un filo d’olio, un pizzico di sale e di pepe.
A questo punto ho frullato il tutto e ho trasferito la cremina ottenuta in una padella. Appena l’acqua ha iniziato a bollire ho versato circa 220 gr di spaghetti semi integrali, ho lasciato cuocere fino a metà cottura e li ho scolati ancora al dente conservando un po’ d’acqua di cottura. Ho trasferito gli spaghetti con un po’ della loro acqua di cottura nella padella con la salsa di noci e ho completato la cottura.
A questo punto ho impiattato gli spaghetti completando con qualche noce intera e un po’ di lievito alimentare.
Una vera rivelazione! Una ricetta veloce, economica e gustosissima, e facilmente personalizzabile con aggiunta di aglio,curcuma, curry o zafferano! Quindi .. try this at home and leave me a comment!