Monthly Archives: November 2016

POLENTINA CON RAGÙ DI NOCCIOLE

img_8619

Quando fuori fa freddo e c’è bisogno di qualcosa che scaldi il corpo e l’anima allora questo piatto è perfetto. È semplice, senza glutine ma molto confortevole e ha convinto persino gli onnivori scettici.
Questa ricetta la dedico ad Aida Vittoria Eltanin visto il suo amore per la polenta e visto che con la sua Arca di Eva & friends mi ha fatto venire voglia di provare un milione di nuove ricettine!

Per il ragù:
(per due persone, ma fossi in voi raddoppierei le dosi per avere un po’ di scorta per il giorno dopo 😉)
2 carote
1 Costa di sedano
Cipolla a piacere
2 cucchiai di Olio d’oliva
100gr di nocciole
500 ml di passata di pomodoro
Sale
Un goccio di salsa di soia ( facoltativo) o vino bianco
Funghi (facoltativi)
Acqua qb

Per la polenta:
3 bicchieri d’acqua
1 bicchiere di farina di mais
Sale un pizzico

Procedimento:
Tritare grossolanamente le nocciole e mettere da parte.
Preparare il trito di sedano, carote e cipolla e far soffriggere con due cucchiai d’olio per un paio di minuti.
Aggiungere anche il trito di nocciole e far insaporire altri due minuti.Per dare un tocco in più si posso aggiungere anche dei funghi.A questo punto chi vuole può aggiungere un goccio di salsa di soia o di vino e far sfumare.

Ora aggiungere la passata di pomodoro più l’acqua che serve per raccogliere la passata rimasta nella bottiglia (non si butta via niente!).
Aggiustare di sale e far cuocere per 30-50 min a fuoco basso, come insegnano le razdore ( le cuoche in bolognese) più tempo sta sul fuoco meglio è!
Quando sarà quasi il momento di servire (circa 10 min prima) metter sul fuoco l’acqua per la polenta, aggiungere un po’ di sale e portare a bollore.
Quando l’acqua bolle, togliere la pentola dal fuoco e versare la polenta mescolando continuamente in modo da non formare grumi.. operazione quasi impossibile quindi.. cercare di eliminare i grumi e continuare a mescolare per due minuti.
La polenta si può anche preparare in anticipo, stenderla in una pirofila e lasciarla raffreddare, poi prima di servire si può ricavare dei dischetti col coppa pasta e metterli un po’ in forno con funzione grill per farli diventare croccanti!
A questo punto mettere la polenta su un bel tagliere o tirare fuori i dischetti di polenta dal forno e condire con abbondante ragù! Nessuno rimarrà deluso ve l’assicuro!
E il giorno dopo ragù con tagliatelle di mais!

img_8635

img_8621-0

Advertisements

BOUNTY VEGAN

img_8590

Ci sono delle ricette che ogni tanto incontri nel web o sui libri e dici:” ah questa la devo assolutamente provare!” poi per un motivo o per l’altro non ti decidi mai a provarci. Questa dei bounty Veg per me è una di quelle..saranno ormai 5 anni che dico ‘Li devo provare! ” poi niente..
Tra l’altro non capisco perché visto che è anche di una semplicità e di una bontà assolute!!!
Bene, ora che mi sono convinta a provarli , questi Buonty entrano a pieno titolo tra i miei dolcetti preferiti! Perfetti per fare un figurone nelle cene tra amici e anche meglio degli originali, ve lo assicuro!!
Quindi iniziamo subito.
(Ricetta ispirata dal blog ‘Il goloso mangiar sano’ un po’ modificata come dosi)

Ingredienti:
200 gr di cioccolato fondente
200 ml di latte di cocco freddo da frigo o crema di cocco ( la parte solida che si trova nelle lattine di cocco)
150 gr farina di cocco
2 cucchiai di olio di cocco
60 gr di sciroppo d’agave
1 pizzico di vaniglia.

Procedimento semplicissimo:
Mescolare il latte di cocco con lo sciroppo d’agave, l’olio di cocco e il pizzico di vaniglia, poi aggiungere la farina di cocco e amalgamare il tutto.
Questo composto già così dovrebbe essere considerato illegale da quanto è buono e potrebbe diventare anche una perfetta farcitura per una cheesecake ( proverò anche questa!)

A questo punto mettere il composto in frigo per lasciarlo solidificare un po’, poi dopo 10 minuti tirare fuori dal frigo e iniziare a dare la forma ai nostri bounty. Si possono fare a forma di barretta come gli originali o anche a palline, tanto sono buoni uguale!
Posizionare i bounty “nudi” su un vassoio ricoperto da carta da forno e mettere in freezer per mezz’oretta.

img_8576

Nel frattempo sciogliere a bagno maria la cioccolata fondente.
Una volta che il ripieno di sarà ben solidificato si può procedere a rivestirlo. Quindi intingere il ripieno nella cioccolata fondente facendo attenzione a coprire tutti i lati.
Dopo aver rivestito tutte le nostre barrette vanno di nuovo in freezer o in frigo per far solidificare la copertura.
A questo punto non resistere a lungo prima di assaggiarli, ve lo garantisco!!
Provateli e non ne potrete più fare a meno!

img_8582

PAN DI ZENZERO CON GLASSA AL LIMONE. Gingerbread.

img_8431

Anche voi iniziate a sentire nell’aria profumo di Natale? Non è mai troppo presto per iniziare a pensare ai regalini per i nostri cari e per me non c’è nulla di più bello dei regali fatti in casa con il cuore!
Uno dei regali più apprezzati dai miei amici è stato sicuramente il burro d’arachidi fatto in casa ma quest’anno volevo aggiungere qualcosa in più al pacchetto.

E allora GINGERBREAD! Ovvero i famosissimi biscotti allo zenzero ma con un tocco in più grazie alla glassa al limone.

Ecco gli ingredienti:
220 gr di farina
60 gr di zucchero di canna
Un cucchiaino (abbondante) di cannella
Un cucchiaino di zenzero in polvere
Un pizzico di chiodi di garofano e noce moscata (facoltativi)
Un pizzico di bicarbonato
Un pizzico di sale
40 gr olio vegetale ( di mais o di semi)
60 gr di latte vegetale di riso+60 gr d’acqua oppure 120 gr di latte

Per la glassa:
Zucchero a velo
Limone
Un po’ d’acqua tiepida

Procedimento:
Si mescolano gli ingredienti secchi poi si aggiungono l’olio e il latte. Deve risultare un composto friabile tipo pasta frolla. Alla fine se serve si può aggiungere un po’ d’acqua per compattare l’impasto.
A questo punto si fa una palla e si avvolge nella pellicola e via in frigo per 30 min.
Nel frattempo preriscaldare il forno a 180′
Dopo mezz’ora stendere l’impasto e tagliare con le forme a piacere.. ovviamente il più famoso è l’omino pan di zenzero ma andrà bene qualsiasi forma.
Infornare per 15 min a 180′.

Intanto preparare la glassa. Per le dosi sono andata ad occhio fino ad ottenere la consistenza desiderata. Mescolare lo zucchero a velo con qualche goccia di limone e qualche goccia di acqua tiepida fino ad avere una glassa omogenea ma abbastanza liquida da poter essere colata sui biscotti.

Quando i biscotti iniziano ad essere dorati sono pronti, tirare fuori dal forno e lasciare raffreddare. Una volta raffreddati decorare con la glassa te voilà ! Dopo qualche minuto la glassa si solidificherà e saranno pronti da gustare!

img_8433

TIRAWMISU’. Tiramisù crudista senza grassi

img_8422

Sapete quando vi viene il voglino selvaggio di scofanarvi una torta intera al cioccolato ma non potete perché state cercando di rimettevi in forma? Oppure quando, come nel mio caso, state facendo una settimana crudista per disintossicarvi ma non fate altro che sognare carboidrati?!
Bene, la soluzione c’è!!! Ed è questo TIRAWMISU’ spaziale al doppio strato di banane !!
A dire la verità la settimana crudista sta andando molto meglio di come pensavo e non sento molto la mancanza del cibo cotto però stasera avevo proprio bisogno di qualcosa per coccolarmi un po’!
Poi.. diciamocelo.. che goduria è mangiare un dolce intero per cena?! Oltretutto senza ripercussioni sul giro vita e senza sensi di colpa..?!credo che una donna non possa chiedere di più dalla vita!!

Quindi vi consiglio di provare questo TIRAWMISU’ senza indugi!

Ingredienti:
2 Banane mature
2/3 banane congelate
Farina di carruba
Un pizzico di vaniglia
Cacao in polvere

A questo punto..dai..Devo proprio spiegare il procedimento?! Devo proprio?!
Ok, se insistete ve lo spiegherò.
Tagliare le banane a strisce e posizionare sul piatto di portata, queste avranno la funzione dei savoiardi della ricetta tradizionale.
Per la crema basterà frullare le banane congelate, dopo averle lasciate scongelare una mezz’oretta a temperatura ambiente , insieme agli avanzi delle banane ‘fresche’ aggiungendo un cucchiaio di farina di carrube ( facoltativo) e un pizzico di vaniglia.
Frullare fino ad avere un gelato super cremoso. A questo punto assemblare: mettere uno strato di gelato sulla base e ricoprire con una bella spolverata di cacao. Poi ripetere l’operazione: banane a fette, gelato, cacao.
Per i più goduriosi si può aggiungere anche qualche goccia di cioccolato , o una granella di fave di cacao o di nocciole on top!
A questo punto… macchevvelodicoafà… ci si fa fuori l’intero piatto!!

img_8423

PLUMCAKE CON GOCCE DI CIOCCOLATO

img_8342

Sapete quando iniziano a cadere le foglie, quando inizia a fare freschino e l’unica cosa che vorreste fare è stare sul divano sotto ad una copertina calda? .. ecco vi prometto che questo plumcake varrà la pena di alzarsi dal divano e mettersi all’opera!
Ovviamente ho apportato qualche modifica alla ricetta originale.. ecco come l’ho preparato!

260 gr di farina per dolci con amido
80 gr di zucchero di canna
15 gr di lievito per dolci
Un pizzico di sale
30 gr di olio di semi di zucca
200gr di latte di cocco
Un pizzico di cannella
100 gr di gocce di cioccolato

Ho mischiato tutti gli ingredienti secchi nel boccale del bimby
Poi ho aggiunto l’olio e con le lame in movimento ho aggiunto il latte di cocco a filo fino ad ottenere la consistenza desiderata.
In forno preriscaldato a 180′ per 30 min o fino a quando facendo la prova con lo stecchino uscirà asciutto

Ecco tutto qui! Facilissimo e buonissimo!
La prossima volta utilizzerò questa ricetta per fare una bella torta di mele alla cannella..e vi farò sapere!!

PIZZA CRUDISTA

img_8259

Cercate un comfort food che sia anche sano e CRUDISTA? Allora questa pizza fa per voi!!
Esatto avete capito bene! Una pizza CRUDISTA , quindi senza farine, senza glutine e senza olio!
Attenzione però..non proprio senza grassi ! Presenta infatti tutti i grassi “buoni” che, in giusta misura, non devono mancare in un’alimentazione corretta, grazie alla presenza dei semi di lino,di zucca e di girasole.
(Prossimamente cercherò di farne anche una versione low fat, senza semi)
È una ricetta dal procedimento semplice ma un po’ lungo perché prevede l’utilizzo dell’essiccatore per questo consiglio di iniziare la preparazione 10-12 ore prima.
( si può utilizzare anche il forno accorciando così i tempi, ottenendo non più una pizza CRUDISTA ma comunque sana).

Ingredienti
Per la base:
200-300 gr di scarti dei centrifugati di frutta e verdura ( in mancanza di questi si possono utilizzare semplicemente zucchine, zucca, carote ecc.. frullate o grattugiate)
3 cucchiai di semi di lino da mettere in ammollo la sera prima
1 cucchiaio di semi di zucca ( facoltativo)
3 pomodori secchi
2 olive ( facoltative)
2 capperi
Origano o spezie a piacere

Per la passata di pomodoro:
Pomodori o pomodorini
3 pomodori secchi
1 o 2 datteri
Un pizzico di sale

Per il “formaggio ”
30-50 gr di semi di girasole ammollati qualche ora
Lievito alimentare in scaglie in abbondanza
Un pizzico di sale, pepe e curcuma.
Volendo si posso aggiungere aglio in polvere, erba cipollina e spezie a piacere.

Per decorare: verdure a piacere, rucola, olive, pomodorini ecc..

Ora il procedimento:
Frullare tutti insieme gli ingredienti per la base, quindi gli scarti dei centrifugati ( o la verdura sminuzzata), i semi di lino con il gel che avranno prodotto durante l’ammollo, i semi di zucca e le spezie.
Ottenuto un composto abbastanza omogeneo andremo a stenderlo sulle teglie dell’essicatore e impostatato il programma crudista, che non supera quindi i 42 gradi di temperatura, lo lasceremo “cuocere” per tutta la notte.
Dopo 10-12 ore in essiccatore questo sarà il risultato: una bella base sottile e croccante.

img_8249

A questo punto andiamo a preparare la passata di pomodoro: tagliare i pomodori togliendo la parte centrale più acquosa. frullare tutti gli ingredienti per la passata. Se dovesse risultare ancora troppo liquida passarla con un colino a maglie strette.

Per il formaggio basterà frullare i semi di girasole, scolati dall’acqua di ammollo, insieme al lievito alimentare in scaglie,il sale , il pepe, la curcuma, fino ad avere un composto bello cremoso e denso.
Nel video avevo aggiunto troppa acqua e ho dovuto “tamponarla ” con molto lievito alimentare quindi vi consiglio di aggiungere acqua solo in caso serva per allentare un po’ la crema.

E ora che abbiamo tutti i componenti basterà andare a guarnire la base della pizza con la salsa di pomodoro, il formaggio e verdure a piacere!
Per rendere il tutto ancora più godurioso si può rimettere la pizza nell’essiccatore per 15-30 min per ottenere una bella pizza tiepida come appena sfornata.. vi assicuro che non vi farà rimpiangere la pizza tradizionale!!
Ed ecco la meraviglia che è venuta fuori..

img_8265

img_8258

E se per caso dovesse rimanere una base si può facilmente riciclare come crackers oppure come piadina, ottima per accompagnare una bella insalata mista.

img_8272

EVERY GIRL DESERVES A SUNDAY PANCAKE!

img_8284</a

Sai quelle domeniche in cui non hai voglia di fare niente se non stare tutto il giorno in piagiama a mangiare!? Ecco oggi è uno di quei giorni e quindi la soluzione è solo una… PANCAKES!!!

img_8292

La ricetta non è mia.. l’ho presa dalle ricette dell’arca di Eva.

Ecco gli ingredienti:
130 gr di farina
3 cucchiai di zucchero di canna
1 cucchiaino e 1/2 di lievito per dolci
220 gr latte di riso
La ricetta originale prevedeva anche olio ma io non l’ho messo nell’impasto, l’ho usato solamente per ungere la padella .

Per guarnire: frutta, cannella, sciroppo d’agave,noci a piacere

Procedimento facilissimo:
Unire gli ingredienti secchi in una ciotola, mescolarli bene e poi aggiungere il latte a filo mescolando bene in modo da non formare grumi.
Riscaldare una padella a fuoco medio poi abbassarla a fuoco basso e ungerla con un tovagliolo imbevuto d’olio.
Versare un mestolo di impasto alla volta e girare la frittellina quando compaiono bolle su tutta la superficie.
Lasciare cuocere per qualche minuto anche dall’altro lato.

Ora non rimane che impilarli e decorarli a piacere con tanta frutta fresca, cannella, noci, nocciole e sciroppo d’agave o d’acero

E ora abbandonatevi alla goduria!!

img_8302